Un bravo recruiter non cataloga le Persone – Intervista a Osvaldo Danzi

Lo spazio dedicato alle interviste continua a crescere ponendosi l’obiettivo di approfondire vari argomenti attraverso le esperienze di esperti.
L’avventura prosegue con l’intervista a Osvaldo Danzi, recruiter nonché fondatore della community FiordiRisorse e editore di SenzaFiltro.
Io e Osvaldo ci siamo confrontati in una piacevole chiacchierata telefonica durante la quale abbiamo approfondito il tema delle Umane Risorse, il ruolo del selezionatore e della Formazione.
Ecco il risultato di questo confronto. Continua a leggere

BreviPensieri #7: studio di fattibilità “idiot-check”

Quando scrivo su internet ci penso, comincio a mettere insieme le frasi, poi cancello, riscrivo.
A volte ci dormo su e cestino di nuovo.
Scrivere è un’attività sottovalutata che necessita di matita e gomma, di una copia di bella e una copia di brutta come quando a scuola si scrivevano i temi di italiano. Allo stesso modo, anche sul web ciò che scriviamo parla di noi.
La scrittura ha un suo preciso respiro, non ha affanni. 
Le parole sono importanti, sono la nostra faccia. Trattiamole con cura. Curiamone il tratto e il tono.
Buon lunedì!
Continua a leggere

Amici virtuali: come funziona se sei un professionista?

Da qualche tempo mi pongo una domanda che attiene all’ambito professionale e al web networking.
Rispetto alle richieste di collegamento su Facebook come dovrebbe comportarsi un professionista abbastanza noto (a livello locale o nazionale) che spesso divulga post pubblici dal profilo personale?
Continua a leggere

Titoli di Testa

Da qualche tempo ho scoperto e continuo a seguire con crescente interesse il sito Nuovo e Utile di Annamaria Testa, traendo spunti sempre nuovi per riflettere su svariati argomenti.

Come indica la sua biografia, Annamaria Testa “si occupa di comunicazione e di creatività. Alla professione di consulente per le imprese affianca una intensa attività di scrittura come blogger e saggista e oltre vent’anni di docenza universitaria”. Continua a leggere

Vanità, il tuo nome è social

L’esigenza di mostrare è figlia del nostro tempo e dei moderni strumenti di comunicazione di cui disponiamo.
Risulta evidente, dalla natura e dal numero di contenuti che visualizziamo online, che decidere di non mostrare il proprio privato farebbe sperimentare ad alcuni di noi una frustrazione così forte da guidare la conseguente scelta di sfogarsi mostrando.
Continua a leggere

Web reputation: maneggiare con cautela

Help recruiters find you è uno slogan che spesso capita di leggere sul web.
Al di là del luogo in cui la si legga, questa frase ci spinge a fare attenzione al modo in cui ci rendiamo visibili a potenziali recruiters, ovvero ai selezionatori con i quali un giorno potremmo ritrovarci faccia a faccia per un colloquio di lavoro.
L’esortazione, qui in lingua inglese, è traducibile con aiuta i recruiters a trovarti facilmente.
Ciò mette una pulce nell’orecchio: il recruiter ti cerca sul web prima di convocarti e ciò che troverà sul tuo conto è tua precisa responsabilitàContinua a leggere