Fotografare è un vizio – Carmela Lovero e il coinvolgimento della visione

Son tentata di scattare in ogni momento, nutrirei di memoria ogni sguardo che la realtà mi regala e mi infligge.
Con queste parole Carmela Lovero, fotografa cresciuta con i reportage di guerra e lo studio fotografico Acidicolori, comincia a parlarmi della sua visione lasciandosi ispirare da un bicchiere di rosato e da una frittura di mare. Continua a leggere

Avanti c’è un post – il libro di Mark Mc Candy ha il gusto di un sorriso

Voglio scriverti un articolo di carta, Mark. Sì, uno di quelli che puoi sfogliare con le dita unte di olio extravergine di oliva mentre cuoci le zucchine cantando “Sono una donna, non sono una santa“.
Voglio scriverti un articolo di carta che tu possa declamare mentre scendi le scale tra un “Ti lascerò” di Fausto Leali e una canzone della Pavone.
Voglio scriverti un articolo di carta cercando di imitarti e sapendo che da te ho sempre tanto, troppo da imparare. Continua a leggere

Esercizi di stile: recommendation o libro Cuore?

Seguendo le orme dell’immenso Raymond Queneau e dei suoi irraggiungibili Esercizi di stile, propongo alcune delle modalità di scrittura di una recommendation (la cosiddetta segnalazione, molto spesso confusa con l’endorsement): una tipologia di testo utilizzata nelle lettere di referenze (e ultimamente anche su LinkedIn) per evidenziare le competenze professionali e tessere le lodi di una persona con la quale si è avuto a che fare in contesti lavorativi.
Immaginando che la segnalazione di una stessa persona possa essere scritta da segnalatori diversi e con scopi differenti, si può pensare al modo in cui la recommendation potrebbe essere scritta dall’amico del cuore, da un compagno di scuola media, da un genitore (palesemente di parte), da un collega, dal fidanzato, da un follower instagram, da qualcuno che deve ricambiare un favore, da un poeta che vuole suscitare commozione nelle aziende, da un anonimo che scrive citazioni da cioccolatino.
Divertitevi a immaginare come cambierebbe una recommendation a seconda di chi la scrive.

Parole Ostili: un progetto per la comunicazione non ostile

Parole Ostili è un evento che avrà luogo il 17 e 18 febbraio 2017 a Trieste.
Oltre a rappresentare un’occasione reale di confronto su vari temi legati alla comunicazione, il progetto si propone come una sorta di community inclusiva che richiede a tutti la partecipazione attiva per la stesura del Manifesto della comunicazione non ostile. Continua a leggere

BreviPropositi: buttare i soprammobili

Per salutare il 2016 che volge al termine mi servo di una metafora.
Il cammino di crescita di cui siamo protagonisti ci aiuta a vedere pian piano con maggior chiarezza, a smussare i nostri difetti, a riconoscere i nostri angoli oscuri, i coni d’ombra, i predicatori che razzolano male, gli errori del passato da non commettere di nuovo, la rabbia e l’invidia che si annidano nelle buone intenzioni, i compromessi che accetti quando sei piccolo e tutti ti sembrano universi affidabili simili a te.
Per ogni cosa esiste una stagione, lo dicevano anche i The Birds nella canzone Turn! Turn! Turn!, ed esiste un tempo per riflettere, guardarsi intorno e capire.
Continua a leggere

La giusta ispirazione

A volte può sembrare un’impresa ardua riuscire a dare la risposta giusta al momento giusto.
È capitato probabilmente a tutti di cercare l’ispirazione per sapere esattamente come rispondere ad alcune domande nella maniera migliore, nel modo più disarmante e incontrovertibile. Continua a leggere