La famille qui voyage: la meraviglia di incontrarsi in qualche parte del mondo

A Maggio mi trovavo a Roma con mia madre e mia sorella. Stavamo passeggiando sul Gianicolo quando ci siamo imbattute in un insolito camper con su scritto a grandi caratteri “La famille qui voyage” (che in francese vuol dire: la famiglia in viaggio). Mi è sembrato un caso alquanto singolare perché anche noi siamo una famiglia e anche noi eravamo in viaggio.
Quella scritta quasi mi invitava a entrare, ma ho avuto solo il coraggio di scattare una foto e poi sono scappata via anche per fuggire da una pioggia torrenziale.
Qualche minuto dopo ho pubblicato la foto su Instagram e ho scoperto che dietro quel nome c’è la storia di una famiglia che vive viaggiando e raccontando le proprie scoperte. Nella didascalia di quella foto chiedevo loro di rispondere a qualche domanda, quindi eccoci qui.
Nelle prossime righe leggerete, sia in inglese che in italiano, l’incontro “di penna” tra me e la famille qui voyage (mamma Gizem, papà Paul, e i loro figli Payna e Rumi).

English version

On May 2019, while I was walking on the Gianicolo (Rome) with my mother and my sister, I found a camper with an unusual inscription parked on the road: on the camper was written la famille qui voyage.
I immediately took a photo of it even if I didn’t have the courage to knock. Suddenly I posted that photo on Instagram asking the family if they wanted to answer some questions. So here we are: they accepted and what you are going to read in the following text is the wonderful “pen-meeting” between me and that family (the mother Gizem, the dad Paul, and their children Payna and Rumi).


1)
 Walt Whitman wrote “Not I, nor anyone else can travel that road for you.
You must travel it by yourself.
It is not far. It is within reach.
Perhaps you have been on it since you were born, and did not know.
Perhaps it is everywhere – on water and land.”

A journey could be considered as a search for freedom, a thirst of knowledge, the desire to escape, the effort to discover our inner soul.
What is the meaning of a journey for you and why you started traveling?

We are actually all on a journey. Everyone has its own path to walk, to discover, to find out beauty far away or just next door. Gizem, the mother, was born and raised as a traveler, Paul, the father, was less of a traveler but still in for all the adventures Gizem took him on.
We’d been living in Paris for some time and we needed some freshness, some nature, we had the curiosity to see how the rest of the world is doing. And, of course, most important, we wanted to show our kids new sensations, feelings, smells, tastes and people and “world school” them in a way. 

Processed with VSCO with a8 preset

Gizem and Paul in Morocco


2)
 What does it mean for you to share your journey experiences with your children and why you decided to tell online the stories you live along the way? 

Our children are a big source of inspiration for us.
When we look at them we see the fascination of the world from a child’s eye and maybe we wanted to feel that same feeling again. They are very positive about traveling this way, they learn a lot and surprise us often with the things they can remember months later. We love telling our story online, especially on Instagram Stories because it’s like an interactive travel book even for us. When we watch it we remember all the places we’ve been and people we met. It’s also a way to show people that they can travel even with little kids.


3)
 Which is the most beautiful place(s) you visited and why that is the best for you?

Every country we’ve visited so far has lots of great places and less nice places. If we would say only one, it would be definitely Slovenia! We didn’t know anything about that country and we were so surprised every single day we were there. It’s so beautiful, so green, so peaceful ! A very nice discovery for us!


4)
 Do you feel a nomad or an explorer family? How do you define yourself and your experience of travel lovers? 


We might be both 🙂 Gizem is Turkish so that’s actually a very nomadic culture, but we both love being in search of a new nest. 


5)
 How did your children react to the choice of living in the whole world and which aspect of journeys they like the most? 

At the beginning of this adventure, our 4 years-old daughter Payna (at the time she was 3) was talking a lot about her school and best friends that she was going to leave, so we listened to her needs in order to find a solution. We developed a project around that need. In Paris, where we used to live before, she was enrolled in a Montessori school, so now we contact Montessori schools in each country we travel so that she can go one week to ten days to school. In exchange we present our travel journey to the kids of the school inviting them to visit the camper.
So far it worked great, Payna is very happy and she made a lot of friends all around the world. She has been in different schools, exposed to different languages and the fact that these schools are in the Montessori system made possible to find the same activities and environment everywhere.
For our little son Rumi the story is different because we started our journey when he was only 8 months old, so for him this is a natural way of life.
There’s also one rule that’s important for us: we always sleep in our camper and refuse the kind invitations of the people we meet. This is because everything changes around us on a daily basis, but the only thing that must remain the same is our camper. It’s important for a kid to have that sense of security and safety.


6)
 There’s a place you really want to see and in which you’ve never been in yet? 


Yes! Japan and a tour of the United States it’s our dream. We’ve been in New York but driving through the USA would be incredible. 


7)
 What is the most incredible discovery that a person can do when traveling a lot?

The fact that you can wake up, look out of the window  and see different landscapes every day is pretty amazing. Meeting interesting people is also a part that we like a lot.


8)
 How do people react when they see your camper? Are they curious to ask you to tell about your journeys?

Some people take pictures of our camper and send them to us on Instagram or Facebook with nice messages like “Welcome to my country!”, as you did. Someone else knock on the door and ask us about our story. 


9)
 Which is a place you actually call “Home”? 


The answer would be: a place where the four of us are. Our home is our family.


10)
 Which are the main difficulties of living constantly as travelers?

Traveling with very young kids all the time is a bit challenging because you never get to rest. It’s not a holiday but a real journey: you learn a lot about yourself and each other.


11) Maybe you don’t know exactly how many years you will still travel. But if you could imagine your future, how many years you think you will be citizens of the world?

We were thinking to travel one year, but soon realised that it’s not possible to tour Europe in that short amount of time. So we gave ourselves one more year to begin with, and maybe one more year again and again.


12)
 What does it mean to you to discover new cultures, new languages, new populations, new styles of living?

It means freedom of choice, exiting the system as we can and getting to know others and learning to love them.

 

Our last words, at the end of the interview, sounded like a promise for the future.
I wrote: I hope the see you soon in the south of Italy, or maybe in some other part of the world. Have a lot of wonderful trips.

The answer was:
Thank you for saying hi and for the conversation, we hope to see you too somewhere in the world! 

 


L’intervista in italiano 

 

1) Walt Whitman ha scritto “Non io né alcun altro può percorrere quella strada per te,
devi percorrerla tu.
Non è lontana, è facile raggiungerla,
forse la percorri da quando sei nato, senza neppure saperlo,
forse è dovunque, per acqua e per terra.”

Un viaggio può essere considerato come una ricerca di libertà, la sete di conoscenza, il desiderio di scappare, la voglia di scoprire la propria vera anima.
Quale significato ha per voi il viaggio e perché avete cominciato a viaggiare?

In realtà ognuno di noi è alle prese con il proprio viaggio. Ognuno ha la propria strada da percorrere per scoprire, per trovare la bellezza lontano o dietro l’angolo.
Per quanto riguarda il nostro percorso, Gizem (la mamma) è nata e cresciuta da viaggiatrice e Paul (il papà) è sempre stato pronto a intraprendere tutte le avventure in cui Gizem lo ha coinvolto.
Abbiamo vissuto a Parigi per un po’ di tempo ma sentivamo il bisogno di sperimentare qualcosa di nuovo, di ammirare la natura, di vedere cosa accade nel resto del mondo. Naturalmente, spinta molto importante, volevamo far provare ai nostri figli nuove sensazioni, sentimenti, odori, gusti nuovi mai provati e volevamo far conoscere loro persone nuove e farli crescere attraverso una sorta di “scuola del mondo”. 

Capture_famille_instagram

Il post frasivolanti su Instagram


2)
 Cosa significa per voi condividere un viaggio così lungo con i vostri figli e perché avete deciso di raccontare online la vostra storia? 

I nostri figli sono una grande fonte di ispirazione per noi.
Quando li guardiamo riusciamo a vedere il fascino del mondo attraverso gli occhi dei bambini e forse volevamo sentire di nuovo cosa si prova a guardare il mondo con quegli occhi. Loro sono molto positivi nei confronti di questo modo di viaggiare, imparano moltissimo e ci sorprendono spesso con le cose che riescono a ricordare anche a mesi di distanza. Adoriamo raccontare la nostra storia online, specialmente attraverso le Instagram Stories, perché è come essere immersi in un diario di bordo interattivo. Lo guardiamo e ci ricordiamo di tutti i posti in cui siamo stati e delle persone che abbiamo incontrato. Rappresenta anche un modo per mostrare che si può viaggiare con bambini molto piccoli.


3)
 Qual è o quali sono i posti più belli che avete visitato e perché per voi sono i migliori?

Ogni paese che abbiamo visitato sino ad ora ha molti posti meravigliosi ma anche luoghi meno belli. Se dovessimo sceglierne soltanto uno, sceglieremmo sicuramente la Slovenia!
Non sapevamo nulla di quel paese e siamo rimasti sorpresi e affascinati ogni singolo giorno che abbiamo passato lì. La Slovenia è meravigliosa, piena di verde, piena di pace! Una bella scoperta!


4)
 Vi descrivereste più come una famiglia nomade o come una famiglia di esploratori? 


Siamo entrambe le cose 🙂 Gizem è turca e quindi apparteniamo a una vera cultura nomade, ma entrambi amiamo essere sempre alla ricerca di un nuovo nido. 


5)
 Come hanno reagito i vostri figli alla scelta di vivere in viaggio e quale aspetto amano di più di questo stile di vita? 

All’inizio nostra figlia Payna di 4 anni (che quando siamo partiti ne aveva 3) parlava molto della sua scuola e dei migliori amici che stava per abbandonare, così abbiamo ascoltato i suoi bisogni e abbiamo pianificato il nostro percorso in funzione di quei bisogni. Quando vivevamo a Parigi Payna frequentava una scuola improntata sul metodo Montessori, quindi ora contattiamo scuole di quel tipo in ogni paese in cui andiamo. In queste scuole raccontiamo il nostro viaggio ai bambini e li invitiamo a visitare il camper.
Questo metodo sta funzionando molto bene, Payna è felice e ha conosciuto tanti nuovi amici. Ha frequentato diverse scuole, ha parlato lingue differenti e il fatto che queste scuole seguano il sistema Montessori ha reso possibile trovare le stesse attività e un ambiente simile ovunque.
Per il piccolo di famiglia, Rumi, la storia è diversa perché abbiamo iniziato il nostro viaggio quando lui aveva appena 8 mesi, quindi questo stile di vita è l’unico che ha realmente sperimentato.
Abbiamo fissato una regola molto importate sulla nostra vita in viaggio: dormiamo sempre nel nostro camper e rifiutiamo gli inviti a casa delle persone che incontriamo. Si tratta di una scelta ben precisa perché mentre tutto cambia attorno a noi giornalmente, ciò che vogliamo resti costante è il nostro camper: è importante per un bambino avere questa percezione di sicurezza e protezione.


6)
 C’è un luogo che vorreste visitare ma nel quale non siete ancora stati? 


Certo! Il Giappone e un tour degli Stati Uniti sarebbero il nostro sogno. Siamo stati a New York ma viaggiare percorrendo gli USA sarebbe un’esperienza incredibile. 


7)
 Qual è secondo voi la scoperta più sensazionale che si può fare viaggiando?

Il fatto che ti svegli, guardi fuori dalla finestra e vedi paesaggi nuovi ogni giorno è davvero sorprendente. Incontrare persone interessanti è anche un aspetto che amiamo molto. 


8)
 Come reagiscono le persone quando vedono il vostro camper? Sono curiosi di chiedervi dei vostri viaggi?

Alcuni fanno foto del camper e ce le inviano tramite Instagram o Facebook con messaggi del tipo “Benvenuti nel mio paese!”, come hai fatto tu. Alcuni bussano e ci chiedono di raccontare la nostra storia. 


9)
 Qual è il posto che realmente sentite di poter chiamare “Casa”? 


Casa per noi è il luogo in cui siamo insieme tutti e 4. La nostra casa è la nostra famiglia. 

Famille

Paul, Rumi, Gizem e Payna in Marocco


10)
 Quali sono le principali difficoltà del vivere viaggiando?

Viaggiare con bambini molto piccoli è una sfida costante perché non riesci mai a riposare. Non si tratta di una vacanza ma di un viaggio nel vero senso della parola: impari tanto su te stesso e sugli altri.


11) Forse non sapete con esattezza per quanti anni ancora sarete in viaggio. Se però doveste immaginare il vostro futuro, per quanto tempo pensate che sarete cittadini del mondo come adesso?

Quando siamo partiti pensavamo che avremmo viaggiato per un anno, ma abbiamo presto capito che è impossibile compiere un tour completo dell’Europa in un periodo così breve. Così ci siamo dati un altro anno, e magari ce ne daremo un altro e un altro ancora.


12)
 Cosa provate quando scoprite nuove culture, nuove lingue, popolazioni a voi ancora sconosciute, stili di vita diversi?

Libertà di scelta, la possibilità di uscire dagli schemi per quanto ci è possibile, di conoscere gli altri e imparare ad amare ciò che ancora non conosciamo.

 

Al termine dell’intervista le nostre ultime parole suonavano come una promessa.
Ringraziandoli, ho scritto: Spero di vedervi presto in qualche parte del mondo. Vi auguro un mondo di viaggi meravigliosi.

La risposta è stata:
Grazie per averci salutato e per la conversazione, anche noi speriamo di incontrarti da qualche parte nel mondo! 

 

Concludo questo viaggio nel viaggio con due foto. La prima ritrae la famille qui voyage in Croazia sui laghi di Plitvice, la seconda è uno scatto con mia madre e mia sorella durante il viaggio a Roma in cui abbiamo scoperto il camper di questi 4 favolosi esploratori.

Cerco la giusta forma da dare al finale, il chiavistello da chiudere per disegnare un lieto fine. Perché al termine di ogni storia ci si aspetta una frase che dia compimento e sostanza, una rassicurazione, una citazione, una morale che chiuda ogni parentesi lasciata aperta, qualcosa da fare proprio dopo la lettura, qualcosa che si avvicini alla propria esperienza. Altrimenti tanto valeva lasciar perdere o fare altro senza arrivare alla fine del testo.
Trovo per caso una frase di Alphonse de Lamartine che dice: “Non c’è uomo più completo di colui che ha viaggiato, che ha cambiato venti volte la forma del suo pensiero e della sua vita.
Ma non mi sembra giusto fermarmi a una citazione trovata per caso che parla dell’ennesimo lato positivo del viaggio: e chi non riesce a viaggiare cosa fa? e chi non può farlo per impedimenti economici o fisici deve arrendersi alla fissità?
Qui non parliamo solo di viaggi ma di famiglie, non di turismo ma di cambiamenti che ognuno, anche senza zaino in spalla, deve affrontare come in un grande gioco a squadre in cui per proseguire devi fare almeno il primo passo in avanti. E spesso il tuo passo è legato alle persone care, a quelle che sono unite a te dalle caviglie non per arrestare la tua corsa ma per donarle direzione.

Sfoglio un vecchio album fotografico che cominciai a riempire nel 2003 con i ricordi e gli scatti miei e di mia sorella. L’album si apre su una frase scritta a mano: “In ogni frammento di una storia si trova la forma dell’intera storia… Le storie mettono in moto la vita interiore.”
E poi, scorrendo veloce le pagine, trovo uno stralcio un po’ più lungo tratto dal libro “Il gioco della vita” di Duccio Demetrio. Su questo lascio trarre ad ognuno le conclusioni circa il senso del proprio viaggiare. Ognuno ha il proprio viaggio, ognuno il proprio senso.

“La vita, con il suo intricato avvicendarsi di eventi, è più simile a una commedia che a un melodramma. Se ripensiamo alla nostra storia, da un lato ci sembra che il destino si sia, in qualche modo, divertito a giocare a rimpiattino con i nostri desideri e le nostre speranze. Dall’altro però ci accorgiamo che, disposti uno accanto all’altro, i nostri ricordi formano un disegno, un intarsio che dà piacere a guardarlo.”

 

67049382_7157547424649929_482679613114286080_o

20190524_161217

 

Ecco dove potete trovare la famille qui voyage online:

contact@lafamillequivoyage.com

lafamillequivoyage.com

facebook twitter instagram youtube-play pinterest

 

 

Laura Ressa

Licenza Creative Commons
frasivolanti di frasivolanti.wordpress.com/ è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...