Ecco

Chiudi gli occhi ed immagina una gioia, molto probabilmente penseresti a una partenza.
Chilometri di rotaie, due treni, ore di attesa guardando i bagnanti dal finestrino e olive ascolane di un self service hanno accompagnato il mio viaggio verso Macerata, sabato 26 agosto 2017, per assistere al concerto di Niccolò Fabi allo Sferisterio. Continua a leggere

Annunci

L’attesa delle ferie è essa stessa le ferie?

Agognate, sospirate, programmate, evidenziate con il pennarello colorato sul calendario affisso alla parete.
Sono le ferie: bramato oggetto del desiderio, a volte sfuggenti, sempre troppo lontane, una meta immaginata e idealizzata durante l’anno. Rappresentano il più lungo periodo (per chi può permettersele) nel quale concedersi un distacco da scadenze, responsabilità e deadlines.
Continua a leggere

Una storia semplice: disarmante acquerello sulla vita di Anna Rita Sidoti

Goffredo d’Onofrio e Giuseppe Garau hanno raccontato nel loro film una storia straordinaria: la meravigliosa favola sportiva e umana di Anna Rita Sidoti. Donna, moglie, madre, amica, atleta, campionessa di marcia che ha raggiunto le più alte vette del mondo muovendo i suoi piccoli passi da un paesino della Sicilia.
Anna Rita ha rappresentato un esempio di perseveranza nello sport ma anche nella battaglia più grande: quella per la vita.
Ho chiesto a Giuseppe e Goffredo cosa li abbia spinti ad incrociare la propria esperienza professionale e personale con la vita di Anna Rita Sidoti.
Il risultato è stato un confronto sorprendente e disarmante, come Anna Rita. Continua a leggere

Fotografare è un vizio – Carmela Lovero e il coinvolgimento della visione

Son tentata di scattare in ogni momento, nutrirei di memoria ogni sguardo che la realtà mi regala e mi infligge.
Con queste parole Carmela Lovero, fotografa cresciuta con i reportage di guerra e lo studio fotografico Acidicolori, comincia a parlarmi della sua visione lasciandosi ispirare da un bicchiere di rosato e da una frittura di mare. Continua a leggere

BreviPensieri #8: amare lo sport, amare se stessi

Cosa rappresenta lo sport per chi lo pratica e non riesce più a farne a meno?
Mi sono spesso posta questo interrogativo, a volte invidiando chiunque riuscisse, con passione e abnegazione, ad abbracciare una disciplina facendo della filosofia dello sport la colonna portante della propria vita.
Così ho pensato: se chiedessi a un atleta cosa prova quando si allena magari potrebbe scattare la scintilla anche in me.

Continua a leggere

Avanti c’è un post – il libro di Mark Mc Candy ha il gusto di un sorriso

Voglio scriverti un articolo di carta, Mark. Sì, uno di quelli che puoi sfogliare con le dita unte di olio extravergine di oliva mentre cuoci le zucchine cantando “Sono una donna, non sono una santa“.
Voglio scriverti un articolo di carta che tu possa declamare mentre scendi le scale tra un “Ti lascerò” di Fausto Leali e una canzone della Pavone.
Voglio scriverti un articolo di carta cercando di imitarti e sapendo che da te ho sempre tanto, troppo da imparare. Continua a leggere

Esercizi di stile: recommendation o libro Cuore?

Seguendo le orme dell’immenso Raymond Queneau e dei suoi irraggiungibili Esercizi di stile, propongo alcune delle modalità di scrittura di una recommendation (la cosiddetta segnalazione, molto spesso confusa con l’endorsement): una tipologia di testo utilizzata nelle lettere di referenze (e ultimamente anche su LinkedIn) per evidenziare le competenze professionali e tessere le lodi di una persona con la quale si è avuto a che fare in contesti lavorativi.
Immaginando che la segnalazione di una stessa persona possa essere scritta da segnalatori diversi e con scopi differenti, si può pensare al modo in cui la recommendation potrebbe essere scritta dall’amico del cuore, da un compagno di scuola media, da un genitore (palesemente di parte), da un collega, dal fidanzato, da un follower instagram, da qualcuno che deve ricambiare un favore, da un poeta che vuole suscitare commozione nelle aziende, da un anonimo che scrive citazioni da cioccolatino.
Divertitevi a immaginare come cambierebbe una recommendation a seconda di chi la scrive.